martedì 29 marzo 2016

Tra elettronica, alt-rock e canzone d'autore: "Fuck Simile", il vortice sonoro e linguistico di Yato.


Primo album in italiano per l'artista electro vocal fiorentino: un vortice sonoro e linguistico ricercato per un'espressione viva della sua generazione.

Genere: cantautorato/elettronica/alt-rock/dance
Etichetta: Auto-produzione

Release date: 28.03.2016






YATO, cantautore electro vocal (nome d’arte di Stefano Mazzei) che si era già presentato al pubblico con alcuni singoli e video a fine 2014, annuncia l'uscita di Fuck Simileprimo album in italiano.

Otto brani fra cantautorato ed elettronicaalternative rock dance con uno stile ricercato di testo; musica e parole come soggettiva esperienza della quotidianità e della sua generazione. Tra le influenze di riferimento Nils Frahm, Dub Fx, Chet Faker, Peter Gabriel, Sigur Ros, Radiohead; Lucio Dalla, Marta sui Tubi, Calibro 35.

Un disco vorticoso che non abbandona l’ascoltatore bensì lo lascia in preda a ritmi, sonorità, parole ed echi che muovono tutto il concept: una forma canzone particolare, come in Servo di un’ideaIn-NocuoAngoli diMondo Corrotto e, allo stesso tempo, particolarmente radiofonica. Un progetto dal sapore editoriale ed artistico tutto suo, un’anima underground che si esprime con i vocal loop nella scrittura e composizione della forma canzone in stile cantautorale. Dalle vocal version ad un'elettronica raffinata come vero e proprio leitmotiv per testi con riferimenti a condizioni sociali e soggettive della “X” generation.

In programmazione per date live con questo nuovo progetto solista, YATO ha i suoi precedenti fra cui si ricordano l’open live set di Richard Dorfmeister, la partecipazione a festival internazionali di surf (SingleFinn) e raduni motociclistici fino ai concerti con il suo precedente progetto Sea Sound Radio in club e location suggestive quali Rocca d’Aghinolfi (Massa Carrara), Piazza del Duomo (Pietrasanta, Lucca ) e Le Murate (Firenze).

L’album, auto-prodotto, è disponibile dal 28 marzo 2016 nei principali digital store (iTunes, Spotify, Amazon, ecc.) o in copia fisica diretta sul sito ufficiale www.yato.it.

Dopo il videoclip di Servo di un'idea (https://youtu.be/P3HlesHLlDA), YATO presenta il nuovo singolo Ormonauti: “Un boom dance dal beat estivo con stacchi e “frenate” dedicato ad una generazione in preda ai propri sensi, alle proprie immagini erotizzate, che del virtuale ne fa solo l’unico modo possibile di evadere e godere. Una forma canzone che svuota il ritornello dalle pienezze strumentali per mettere ancora più in risalto il tipo di messaggio.”



Tracklist
1. Servo di un’idea
2. Ormonauti
3. Angoli di
4. In-Nocuo
5. Mondo Corrotto
6. Solo al piano solo
7. Viziù
8. Servo di un’idea (remix)


Rassegna Stampa
Un modo indipendente di produrre la propria musica dando voce alla propria originalità nel panorama musicale alternativo italiano.” Mescalina

In-Nocuo: il singolo emblema dello straordinario estro dell’artista fiorentino, in cui mette tutto se stesso, tanta pancia e passione per l’arte e pochissima razionalità, creando un sound al di fuori di ogni target commerciale sentito finora in Italia. Salvatore Imperio, MIE-Musica Italiana Emergente

Oltre alla musicalità, in cui si notano aperture alla dance music, al rock ed alla musica elettronica del Nord Europa mista all'evidente e marcato sapore mediterraneo, si evidenzia un'attenzione particolare al testo […] Yato, quindi, riesce a fondere nuove sonorità con origini anche extraterritoriali e tradizione cantautorale prettamente italica ottenendo un risultato originale e davvero molto interessante.” Marco Liberti, La Musica che Gira Intorno

Canzone interamente costruita sulla voce, spingendone la rielaborazione fino a territori elettronici, rumorosi ed ipnotici. Video e secondo singolo che anticipano l'album in imminente uscita del fiorentino Stefano Mazzei.” Daniele Catalucci, Il Tirreno Blog d’Autore

Il Cantautore Electro Vocal dà voce al proprio mondo interiore in questo singolo, dopo In-Nocuo in una canzone dalle atmosfere dance e ricerca di un suono perduto, la voce” Cube Magazine

Bio YATO - Cantautore electro vocal (nome d'arte di Stefano Mazzei) è un progetto musicale e artistico di recente pubblicazione, nasce a giugno 2014 e raccoglie in sé tutte le esperienze pregresse in band e live set di Stefano Mazzei. Una struttura dei brani non convenzionale. Con “In-Nocuo” e “Servo di un’idea” si presenta al pubblico l’unicità di questo cantautore: un’anima underground che si esprime con i vocal loop nella scrittura e composizione della forma canzone in stile cantautorale. Una sorta di performance vocale da cui prende forma la forma canzone. Fra le primissime pubblicazioni se ne ricordano anche i videoclip di “Idolatrina” e di “Agli Illusionisti del Mondo”. “Servo di un’idea” ed “In-Nocuo” sono due degli otto brani presenti nel primo album in uscita a marzo 2016. Ha partecipato attivamente come cantante nella zona di Firenze in band alternative rock come La Fabbrica, Mood Garden Celluloid e nella scrittura di canzoni con la “vecchia guardia” del panorama cantautorale fiorentino come con il calabrese Tommaso Talarico ed altri. Fondatore di progetti in trio acustico sperimentale e compositore di colonne sonore e di ambiente ai reading di poesia. Yato è già al lavoro per promozione e nuovo videoclip. “Fuck Simile” raccoglie otto brani di cui tre già lanciati durante il primo anno di pubblicazione, fra la fine del 2014 ed il 2015, e cinque nuovi inediti per questo particolare ed allo stesso tempo radiofonico panorama musicale italiano “electro cantautorale”.

Contatti

Press Media Office

Frank Lavorino 339 6038451

martedì 12 gennaio 2016

Siranda, il nuovo album "La Scatola del Male" è adesso fuori!



Tra critica sociale e passione, dalla canzone d'autore al prog passando per il rock alternativo: la band siciliana presenta il suo primo full lenght in studio.

Siranda presentano il loro primo full lenght dal titolo “La Scatola Del Male”, ufficialmente in uscita l'11 gennaio 2016 e disponibile dal 31 ottobre 2015 su tutti i digital stores tramite "Believe Digital". La band siracusana, dopo anni di duro lavoro, porta a compimento l’obiettivo primario: pubblicare un disco di inediti, con influenze di vario tipo che spaziano dalla canzone d’autore alle sonorità prog della PFM, passando per il rock alternativo. Il disco è stato prodotto a Floridia (SR) dalla stessa band fra il 2012 e il 2014, dopo varie sessioni di registrazione in studio. L’artwork è stato affidato a Giuppy Uccello che ha anche curato i primi due videoclip ufficiali, “Il Tuo Veleno” e “Ombre” e che curerà anche il terzo, previsto per questa primavera 2016. L’obiettivo che i Siranda si prepongono è arrivare a più persone possibili, tramite i concerti, vero punto forte della band.

L’intento è quello di portare a riflessione una generazione chiusa in una prigione di vetro fatta di illusioni, in cui una società apparentemente "liberale" ma ideologicamente "proibizionista" pretende, con i suoi falsi modelli, di "liberarci dal male"... Per questo “La Scatola Del Male” vuole essere anche e soprattutto un disco di protesta, oltre che un’occasione di spunto personale su vicende generazionali vissute in primis dagli stessi componenti della band. I Siranda sono finalmente pronti al salto di qualità e a calcare palchi importanti, cercando di spargere il loro verbo in giro per la Penisola, sfruttando appieno la nostra lingua madre.

Dopo Il tuo veleno, primo singolo/videoclip, la band siciliana ha pubblicato il secondo estratto dal disco, il brano Ombredescritto come “(…) una presa di coscienza di una condizione apparentemente irreversibile”

Ombre - https://www.youtube.com/watch?v=t8yRtMCrUoI


Video credits:
Regista  – Giuppy Uccello
Autore – Giuppy Uccello
Soggetto, fotografia, regia e montaggio: Giuppy Uccello
Addetta alle "Ombre" e aiuto regia: Roberta Torcasso

Tracklist
Il Tuo Veleno  Apparentemente La Scatola Di (Amanti) Calle California Ombre L’Orchestra Delle Idee Silenzio Blu Il Lamento Di Danae
Streaming
Spotify: https://play.spotify.com/album/59DkXicrknEzS9qa0G4jFe?play=true&utm_source=open.spotify.com&utm_medium=open
Bandcamp: http://siranda.bandcamp.com/album/la-scatola-del-male
Deezer: http://www.deezer.com/album/11403624

Link vendita
iTunes: https://itunes.apple.com/it/album/la-scatola-del-male/id1046951839?l=en
Amazon: http://www.amazon.it/scatola-del-male-Siranda/dp/B016A81KSQ/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1446566140&sr=8-1&keywords=siranda+-+la+scatola+del+male

lunedì 21 dicembre 2015

Adesso fuori il nuovo singolo di Anto Paga feat Tormento!



Dopo il fortunato EP d’esordio “Rap is Dead” (Great Tree Records, 2015), l’artista comasco torna con un brano scritto a quattro mani con Tormentocelebre ex frontman dei Sottotonoche si scaglia con rabbia e sincerità contro l’establishment delle case discografiche e una logica del profitto che ha ridotto la musica a decorso di mode studiate a tavolino. 

Genere: rap/hip hop 
Etichetta: Great Tree Records  
Distribuzione digitale: Believe Digital 


“Il mercato discografico è come l’Italia. Al verde”. Parole contundentiquelle di Mainstreamil nuovo singolo del rapper Anto Pagaappena lanciato dalla Great Tree Records di Motta Visconti (MI), giovane label in irresistibile ascesa. 
Dopo aver pubblicatosempre con Great Tree e sempre nel 2015, il fortunato EP d’esordio Rap is Deadl’artista comascovent’anni anni il 27 ottobre, ha scritto con Tormentocelebre ex frontman dei Sottotonotesto e musica di questo brano che, con rabbia viscerale e disarmante sincerità (“ogni lacrima asciugata come un uomo puntando a fare il pezzo più mainstream”) si scaglia contro l’establishment delle case discografiche e una logica del profitto che ha ridotto la musica a decorso di mode studiate a tavolino. 
Non è nuovod’altro canto, a temi scomodi e d’impegnoAnto Paga: in Non aver pauracontenuto in Rap is Deadaveva affrontato la piaga della violenza sulle donne. Ora alza il tiro e, forte della preziosa collaborazione di Tormentogrida il proprio disagio dinanzi all’inautenticità di un sistema che della verità dell’arte sembra farsi beffe. 
In un videoclip di forte impattodiretto da Maurizio Ghiotti con visionaria luciditàAnto Paga affronta una setta esoterica di individui incappucciati che vorrebbero assoggettarlo al loro protocollo. La spunterà? 


Se continuerà con la determinazione che in pochi anni lo ha condotto dalle prime incisioni underground ad imporsicomplice anche il passaggio per il reality di Odeon Tv Rappers on the road, come una delle voci più promettenti del panorama hip hop nazionalesi può ben dire di .  
Per l'inizio di febbraio 2016 è inoltre prevista la pubblicazione di un nuovo brano inedito, dal titolo Come Meche parla di un'Italia raccomandata, di ragazzi come lo stesso Anto Paga che non hanno soldi per concedersi i propri sfizi per la mancanza di lavoro o addirittura l'impossibilità di pensare ad un proprio futuropiù in generale, di un degrado che l'Italia sta vivendo e nella quale o si hanno soldi o si hanno raccomandazioni oppure non si va da nessuna parte.